Biografia - Francesca Sifola

Vai ai contenuti

Menu principale:

Francesca Sifola, napoletana, vive tra Napoli e Roma.

Laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.

Tra il 1980 e il 1982 insegna inglese in Licei e in Istituti Professionali di Stato.

Nel 1982 consegue il “Diplôme des Études Françaises Supérieures” presso l’Institut de Grenoble e nello stesso anno quello di “English for Foreign Teachers and Translators” presso l’Università di Edinburgo.

Nel 1983, lo studio Fersen di Roma le rilascia il diploma di attrice di prosa.

Nel 1984, debutta con Vittorio Caprioli.

Dal 1986 al 1989 è attrice radiofonica per la Rai di Napoli.

Dal 1988 al 1991, è borsista di Studi Umanistici e Rinascimentali presso l’Istituto Italiano di Studi Filosofici di Napoli.

Dal 1991 ad oggi, si dedica esclusivamente al suo lavoro di scrittrice, anche se fiancheggiato da altre attività culturali.

Nel 1994 e nel 1995, la “Silver Press” di Genova pubblica due racconti brevi: “Amare un ombrello e un Militare” e “Alla ringhiera”.

Nel 2003, per MEF Editori, pubblica la raccolta di racconti, “Luna Park”, che nel 2004 vince Il premio letterario “Il Nuovo Fata Morgana”.

Nel luglio del 2004, pubblica, per Graus Editori, il romanzo “Sogno”, Storia di Maria Adelaide Piscitelli, nobildonna napoletana, vincitore del premio “Emily Dickinson” nel 2005. Uno “scorcio” dello stesso romanzo si classifica al primo posto del premio “Albatros” nel 2004.

Sempre nel 2004 per Graus Editori, pubblica il romanzo “Tempo senza maschera”, un testo sul rapporto tra coscienza individuale e universo ipertecnologico, un binomio delicato, rischioso e complesso, dove in gioco sono le emozioni dell’individuo inteso come essere ancora organico, ma che si avvia verso una specie di robotizzazione irreversibile del cuore.

Nel novembre 2005, col testo “Scene di Scrittura", pubblicato nel maggio 2006 per Graus Editori, si classifica prima per la sezione “Libro Inedito" al “Premio Internazionale Cultura di Ieri e di Oggi, città di Reggio Calabria”. Il testo vede riuniti linguaggio narrativo e teatrale, avendo all’interno della tessitura in prosa quattro atti unici. In esso, scena e vita si ribaltano l’una sull’altra attraverso parametri di pirandelliana memoria.

Con un racconto inedito, “Una vita al sapore di cioccolato”, vince la XVIII edizione del premio di poesia, narrativa e pittura “Areopago”.

E’ autrice di due soggetti cinematografici: "Ritratto in piedi", tratto da una storia vera, quella dell'anarchico Giuseppe Manzini e "Tempesta al caffè: Napoli".

Dal 1998 al 2010, è presidente della Fondazione Interregionale Europa e Comunità mondiale, che si propone di ridare una connotazione unitaria alla cultura e alla Storia d’Europa all’interno delle nuove problematiche multimediali. La Fondazione è stata costituita per volere di Padre Angelo Arpa, colui che, negli anni sessanta, opponendosi alla censura vaticana, creò le condizioni necessarie per varare la visione de “La Dolce Vita” di Federico Fellini.

Dal 2005 al 2007, collabora al quotidiano “Il Roma" all’interno della rubrica culturale “Ciak si scrive”.

Nel 2007, alla Fiera del Lussemburgo, presenta i suoi testi, come esponente della cultura italiana all’estero.

Nel 2009 vince il Premio Letterario Nazionale “Calabria in giallo” dell’Associazione Castello d’Altavilla, con il racconto “Don Carmine Paterno".

Sempre nel 2009 il romanzo “Sogno” vince il premio “Antonio de Curtis" e ne viene fatta una ristampa dalla Casa Editrice “Guida”.

Nel 2010 pubblica con Edizioni Sabinae il romanzo "La Scatola bucata", un testo in cui la psiche della protagonista, diviene l’Essenza del più intimista dei suoi romanzi.

Nel 2012 pubblica, sempre con Edizioni Sabinae, il romanzo "Dietro le spalle".

Nel 2013 vince il Premio "Napoli in pagina" per il romanzo "Dietro le spalle".

Dal 2013 a oggi, si è dedicata allo studio del mutamento del linguaggio nelle strategie di comunicazione diretta o filtrata da strumenti tecnologici e alla stesura del suo prossimo romanzo, che sarà dato alle stampe per il 2016.

 Da sempre, affida alla narrativa quel potere di comunicazione attraverso il quale condividere la forza dei mutamenti storico-sociali che condizionano l’individuo, ma anche quella caratteristica di elasticità semantica attraverso cui poter trattare, senza vincoli, ogni tematica.

|
|
|
|
|
|
|
|
|
francescasifola@gmail.com
Torna ai contenuti | Torna al menu